COS’È IL QI: L’ORIGINE DELLA VITA.

Il pittogramma di “Qi (氣)” rappresenta nell’antica scrittura cinese l’origine di tutte le cose esistenti, l’energia di base della vita stessa.

E’ composto di due parti: quella inferiore rappresenta un chicco di riso e indica la parte più Yin, materiale, quella superiore rappresenta il vapore, richiama qualcosa di più etereo, collegato al Cielo, alla parte Yang.
Il vapore è in continua trasformazione tra lo stato solido e quello liquido, tra fuoco e acqua, tra Cielo e Terra, tra yin e yang.

Le due parti dell’ideogramma rappresentano simbolicamente anche l’azione del Qi che è contemporaneamente nutrimento (riso) e aereo (respirazione).

Il riso, simbolo del nutrimento per eccellenza, è per analogia considerato come ciò che ci dà energia e vita.

 

Per fare un parallelo con la biologia, le piante assorbono l’ energia solare e attraverso il processo della fotosintesi, in presenza di sostanze inorganiche che si trovano sulla superficie terrestre (carbonio C, azoto N, Ossigeno O, idrogeno H, fosforo P), trasformano l’energia del sole in energia chimica.
Questa si trova imprigionata in composti chimici le cui molecole sono costituite dalle sostanze sopra indicate che sono legate tra loro grazie a questa energia.
Il processo di trasformazione dell’energia chimica degli alimenti in altre forme di energia necessarie per il funzionamento dell’organismo è chiamato metabolismo.

È interessante notare come questo processo non sia molto diverso da quello pensato dagli antichi cinesi, in quanto l’energia che deriva dal cielo si unisce ai vegetali terrestri (materia) per produrre un’energia fondamentale per ogni forma di vita.